Da qualche anno vi parlo in modo costante di potatura.
La potatura è un argomento di sicuro fascino, importante e fondamentale per molti, poiché da qui la viticoltura ne trae le sue basi per i produttori, per gli imprenditori, per l’economia locale, per il turismo e per l’ambiente. Mal dell’esca, costi di potatura secca e potatura verde (scelta germogli), longevità e produttività del vigneto, sono argomenti strettamente correlati.
Dal 2012 ho frequentato i corsi annuali della Scuola Italiana di Potatura del metodo Simonit&Sirch visitando diversi vigneti ed il loro campus in Friuli Venezia Giulia.
Il gruppo Simonit&Sirch è arrivato a definire il metodo della potatura ramificata dopo un lungo periodo di lavoro in campo fatto di osservazione, ma soprattutto di pratica di potatura, durante i quali, per circa 10 anni, si sono messi a fuoco i principali fattori di rischio della salute del vigneto, diventando consulenti in più di 20 anni in diverse zone viticole del mondo, non ultima Chateau d’Yquem in Francia.
I Preparatori d’uva hanno indagato le conseguenze indotte dai tagli di potatura a livello del sistema di trasporto linfatico della pianta di vite. Le regole che definiscono il metodo di potatura sono indipendenti dalla forma di allevamento scelta in vigneto.
Con l’inizio del 2015, i Preparatori d’uva lavoreranno in un progetto di potatura per i vigneti del Gavi docg e di altre zone coinvolgendo al Consorzio di Tutela del Gavi i potatori di diverse Aziende che poi applicheranno il metodo nei propri vigneti.
Un’investimento importante per il patrimonio delle Aziende, sia umano che vitato, in un momento generale particolarmente delicato: salvaguardare l’integrità dei vigneti è importante non solo dal punto di vista paesaggistico o per la qualità dei vini che si producono, ma perché rappresenta un’importante riserva per la tutela del terroir.
Le Aziende che aderiscono al progetto sono: Marchese Luca Spinola, Montobbio Maurizio, Biné, Fontanassa, La Colombera, La Zerba, Morgassi Superiore, Traverso Marco, I Brambi, Torriglia Antonella, Poderi Rosso Giovanni, Tenuta La Marchesa, Broglia Gian Piero, La Centuriona, Villa Sparina e Ottosoldi.

Grazie per leggermi!

16 dicembre 2014
©Davide Ferrarese


read more

Quella strana stagione 2014..
#terroir #gavi #barbera #timorasso #ovada #dolcetto #potatura #biologico #agricoltura_durevole #vendemmia #uomo #sostenibile

Il 2014 sarà sicuramente ricordato per le bizzarrie dell’annata.
Inverno poco freddo, stagione partita alla massima velocità, per poi rallentarsi con l’arrivo dell’estate (mancata estate) con precipitazioni pluviometriche ben superiori alle medie stagionali.
Infatti dal mese di aprile a quello di settembre sono caduti tra i 450 e i 500 millimetri di pioggia, una quantità pari a quella dei mesi invernali, con settembre come mese meno piovoso..
Penso che basti questa premessa e qualche ricordo per capire le difficoltà dell’annata, ma la maniacale attenzione e passione, ci ha però premiato.
In questi giorni sto assaggiando vini dalle vasche, buoni, con tono alcolico inferiore rispetto alle altre annate, ma interessanti e con bei profumi.
Quest’anno è uscita ancora di più la validità del terroir, di quel prezioso tesoro che ognuno di noi possiede, la vigna! L’identità di ciascuna di esse esprime qualità e valori specifici, che bisogna mantenere e valorizzare con il lavoro quotidiano.
Penso che l’impostazione della potatura secca con nuove attenzioni e maggior rispetto della pianta anche per cercare di contenere la continua diffusione del mal dell’esca, il lavoro del suolo con una nuova visione, rispettando la fertilità biologica e rinnovando le tecniche meccaniche ed inserendo, dove si è potuto, la pratica del sovescio, fino ad arrivare alla difesa fitopatologica molto più attenta ed integrata alle condizioni ambientali, stia dando risultati molto buoni e interessanti.

Stiamo facendo un gran lavoro eliminando o riducendo l’impiego del diserbo sotto fila; abbiamo integrato la difesa chimica con l’impiego dei microrganismi utili ed iniziato anche con la difesa biologica, ritoccabile e sicuramente migliorabile, ma in una stagione ad alta pressione per le malattie fungine, non sono stati utilizzati gli antibotritici chimici con ottimi risultati sanitari sulle uve.

Stiamo facendo un gran lavoro per una difesa avanzata sostenibile, ritoccabile e sicuramente migliorabile, ma in una stagione ad alta pressione per le malattie fungine, abbiamo ottenuto ottimi risultati sanitari sulle uve.

Grazie per leggermi

© Davide Ferrarese
9 dicembre 2014


read more