Novembre 2015 (0 mm)

Avanti con i lavori in vigneto, non si riesce a tenere fermo nessun a far buschi (qualche scasso) e già le prime potature (!!), anche perché ormai non piove più dai primi di ottobre..  Solo nebbie, fitte nebbie e molta umidità, temperature miti..foglie sulle piante, erba verde, ed un sacco d’insetti in giro.Solo un po’ di freddo nell’ultima settimana del mese di novembre ma niente di che: temperature sotto zero, ma limitatamente per il periodo.

Quello che stiamo vivendo passerà agli annali come uno dei periodi più secchi degli ultimi anni sul Nord Italia, in particolare al Nord Ovest e soprattutto nella nostra area: infatti ormai ci siamo un po’ abituati come nell’ultima estate trascorsa, dove in molte zone passavano piogge e temporali, mentre nulla in questo angolo del Piemonte!

E’ anche curioso notare come questo periodo arrivi dopo alcune annate particolarmente piovose e dopo un anno, il 2014, di piogge record e di alluvione per noi (700 millimetri di pioggia a novembre dell’anno scorso).

La pluviometria degli anni 2000 è risultata infatti superiore rispetto a quella del secolo scorso, quando invece non era inusuale riscontrare lunghi periodi senza piogge. Facendo un tuffo nel passato bisogna risalire al 2003 per trovare un periodo così lungo senza precipitazioni rilevanti (tra Febbraio ed Aprile), ed ancora prima al 1997, quando i giorni senza accumuli superiori al millimetro furono circa una novantina tra Gennaio ed Aprile.

Se in pianura e collina è mancata la pioggia., in montagna è mancata totalmente la neve e questo potrebbe essere un problema ben più grave per l’approvvigionamento idrico di molte aree in vista della primavera, a causa delle evidenti ripercussioni che potrebbero esserci per l’agricoltura, i ghiacciai ed ovviamente…la nostra salute.

© Davide Ferrarese

19 dicembre 2015


read more

Con l’avvio della stagione di potatura, abbiamo ripreso progetto di potatura per i vigneti del Gavi docg e di altre zone (Timorasso e Barbera). Per il secondo anno consecutivo, presso il Consorzio di Tutela del Gavi, abbiamo coinvolto una cinquantina di potatori di diverse Aziende applicheranno il metodo nei propri vigneti.

La potatura è un argomento di sicuro fascino, importante e fondamentale per molti, poiché da qui la viticoltura trae alcune basi per i produttori, per gli imprenditori, per l’economia locale, per il turismo e per l’ambiente. Mal dell’esca, costi di potatura secca e potatura verde (scelta germogli), longevità e produttività del vigneto, sono argomenti strettamente correlati.

Un’investimento importante per il patrimonio delle Aziende, sia umano che vitato: salvaguardare l’integrità dei vigneti è importante non solo dal punto di vista paesaggistico o per la qualità dei vini che si producono, ma perché rappresenta un’importante riserva per la tutela del terroir.

Le Aziende che aderiscono al progetto sono: Marchese Luca Spinola, Montobbio Maurizio, Biné, Fontanassa, La Colombera, La Zerba, Morgassi Superiore, Traverso Marco, I Brambi, Torriglia Antonella, Poderi Rosso Giovanni, Tenuta La Marchesa, Broglia Gian Piero, La Centuriona, La Mesma, Villa Sparina, Ottosoldi e Cooperativa Pusabren.

 

5 dicembre 2015 ©Davide Ferrarese

#pruninguys #simonitesirch #Piemonte #Gavi #Langhe #Barolo #Monferrato #Guyot #cordonesperonato


read more