Maggio 2016 

Alla fine è stato un mese che si è dimostrato fresco, sembra impossibile scriverlo dopo mesi che non si dice che il contrario, ma a parte la fiammata iniziale della prima decade, le temperature si sono presentate nella norma.

Fin dall’inizio (al 7/5) la produzione di infiorescenze (uva) era presente in modo maggiore rispetto all’anno scorso anche su germogli posto sul legno vecchio ed in posizione più lata del solito (3-5° nodo anche), con tralci maggiormente resistenti alle precedenti annate che non di spaccano al vento, probabilmente dovuto al rallentamento vegetativo dovuto al freddo che li ha rinforzati

Il periodo più “caldo”dal punto di vista dell’attenzione alle patologie è stato con l’arrivo delle piogge, anticipato rispetto alle previsioni del tempo, dall’8 all’11 compreso con apporti totali tra i 70 e gli 80 millimetri di pioggia: la vegetazione era ormai ricettiva per la peronospora anche se le temperature minime era tra i 12 e i 13°C. Dopo di chè una nuova settimana di tempo senza precipitazioni, ma con minime sotto i 10°C, e ripresa dei lavori sul verde (spollonatura e palizzatura). Nuova pioggia il 19 alle sera, anche se con apporti minimi, intorno agli 8 millimetri, e nuova variabilità all’orizzonte, ma mai vero caldo, vento e nuova pioggia il 23 con 10-13 millimetri , per arrivare a fine mese con sole e nuova pioggia lieve il 29 con 6-7 millimetri ed il 30 con 2-3 millimetri. Riassumendo, un mese volto alla variabilità ed al vento, anche se a parte la seconda settimana del mese, non più una vera pioggia, che sarebbe anche servita vista la penuria ormai dall’estate scorsa e dai temporali previsti che si trasformano in tempeste di vento che vanno poi a rompere i germogli. Si segnalano attacchi sporadici di eriofide dell’acariosi e la conferma della presenza della cocciniglia farinosa.

Intanto vediamo cosa c’è in vigna al 6 di giugno (video) in un vigneto biologico: www.youtube.com/watch?v=M6EkIUbMpAQ

© Davide Ferrarese

11 giugno 2016


read more