La Cattedra Ambulante in viticoltura©, fase operativa . . .

Con i mesi invernali e l’inizio della potatura, ho cominciato gli incontri a tema con La Cattedra Ambulante in viticoltura©.

Una parte teorica a tavolino e poi quella pratica in campagna, tutt’ora in via di sviluppo.

La potatura è un argomento di sicuro fascino, importante e fondamentale per molti, poiché da qui la viticoltura ne trae le sue basi per i produttori, per gli imprenditori, per l’economia locale, per il turismo e per l’ambiente. Insomma ce n’è per tutti!

Proprio perché nelle mani dei viticoltori sta il futuro del nostro patrimonio vitato.

Senza nessuna presunzione, ci siamo incontrati con i viticoltori e le persone che operano in vigna, in modo quasi “intimo”, dove con calma si è potuto affrontare l’argomento e non vi nascondo anche con discussioni sempre costruttive.

Penso che la formazione fatta in modo professionale darà ottimi frutti (e non solo ottimi vini), ridando valore e dignità a chi opera tra i filari.

Il patrimonio del nostro bellissimo territorio non è solo quello vitato, ma è soprattutto quello umano, che permette una conservazione ambientale e paesaggistica delle colline, nonché economica diretta ed indiretta per il lavoro che svolge.

Vedere colline coltivate a vigneto attira turisti e preserva il suolo da problemi idrogeologici, e sostiene l’economia delle imprese.

Con l’inizio del 2013, l’attività formativa ed informativa de La Cattedra Ambulante in viticoltura©, oltre che nelle Aziende vitivinicole, proseguirà anche presso la cantina Produttori del Gavi e la Cantina dei Colli di Crea.

Infatti, grazie alla collaborazione con il CIPA-AT di Alessandria sono stati organizzati nuovi corsi destinati ai viticoltori con l’obiettivo di parlare con loro delle tecniche di gestione integrata e biologica applicate al sistema vigneto.

Non bisogna avere nessuna fretta. Come sempre il passato e la tradizione ci sono di aiuto, solo il tempo di fare, per la valorizzazione del patrimonio viticolo aziendale e quello delle risorse umane che vi operano.

2 gennaio 2013

©Davide Ferrarese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *