newsletter 01 (aprile) 2018 TUTELA x100newsletter 01 (aprile) 2018 TUTELA x1002

newsletter 01 (aprile) 2018 TUTELA x1003 newsletter 01 (aprile) 2018 TUTELA x1004

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In questi giorni abbiamo presentato i risultati del 5° anno di lavoro di monitoraggio dei fitoplasmi nel Gavi docg.

La Flavescenza dorata è una patologia cronica della vite, insediata stabilmente sul territorio piemontese a partire dagli anni ’90. Nell’area del Gavi DOCG come nelle principali aree viticole, è un problema con cui occorre convivere, per salvaguardare i vigneti che sono il cuore economico e sociale di tutto il territorio.

A questo scopo, il Consorzio Tutela del Gavi nel 2017 ha proseguito per il 5° anno consecutivo il suo impegno di coordinatore di un progetto sui fitoplasmi della vite, coinvolgendo tutti gli attori presenti sul territorio: i produttori (viticoltori ed hobbisti, vigneti biologici e in conduzione tradizionale), le istituzioni locali, le OOPPAA, Condifesa, il Settore Fitosanitario Regionale (SFR) e Aspromiele.

Il progetto, partito nel 2013 oggi conta 57 vigneti (di cui 24 in agricoltura biologica e/o biodinamica) per oltre 1.000 trappole lette, ha l’obiettivo di monitorare la presenza della patologia e del suo insetto vettore, Scaphoideus titanus, di coordinare le azioni di lotta con l’emissione di specifici comunicati tecnici, di formare e sensibilizzare gli operatori e il territorio.

Sono coinvolti anche gli apicoltori, a cui vengono forniti aggiornamenti in relazione alle date dei trattamenti insetticidi.

Alla luce di quanto osservato in questi anni, sono fondamentali alcuni principi base:

  1. lotta all’insetto vettore: limitare al minimo la presenza dell’insetto vettore mediante trattamenti insetticidi obbligatori riportati anche nel Decreto Regionale di Lotta Obbligatoria;
  1. eliminare subito la parte verde delle viti sintomatiche: sono fonte di infezione per quelle sane, per cui vanno eliminate senza aspettare la vendemmia:
    • tagliare la parte verde/sintomatica appena i sintomi sono visibili (Luglio-Agosto) e segnare la pianta;
    • nell’inverno, estirpare completamente ceppo e radici;
  1. gestione del territorio: eliminare i ricacci di vite, soprattutto selvatica, presenti in incolti, ex vigneti abbandonati, boschi e scarpate, poiché sono aree in cui la patologia e l’insetto vettore si moltiplicano indisturbati per poi diffondersi negli adiacenti vigneti coltivati.

Sono risultati molto utili ed efficienti l’analisi delle catture delle forme giovanili e degli adulti (su trappola cromotattica) dell’insetto vettore, permettendo di conoscere i tempi corretti per la difesa  e la scelta dei principi attivi: strumento che permette scelte sia a livello aziendale che territoriale.

Inoltre è stato possibile presentare i risultati del progetto della regolazione funzionale degli atomizzatori, in quanto le modalità distributive sono altrettanto necessarie per una buona difesa e sostenbilità generale.

In allegato la newsletter relativa ai risultati del 5° anno di monitoraggio ai fitoplasmi a cura del Consorzio Tutela del Gavi.

© Davide Ferrarese

12/4/2018

 


read more

 

un’annata decisamente anomala, segnata da un inverno mite e asciutto, in primavera da gelate tardive, mentre la prolungata siccità e le elevate temperature per tutta la stagione vegetativa, hanno indotto stress idrico ai vigneti

Fenomeni climatici estremi: la vite si adegua, ma deve scontare “performances” inferiori al potenziale. Così abbiamo una delle vendemmie che in generale rappresenta il minimo storico nazionale degli ultimi 50 anni con riduzioni di oltre il 20% in quasi tutte le regioni. Le anomalie climatiche, tuttavia, hanno interessato anche gran parte delle aree produttive europee e le minori produzioni attese in Francia e Spagna indicano che, anche per il 2017, l’Italia manterrà il primato produttivo mondiale.

Un inverno senza piogge, una primavera asciutta e un’estate rovente: condizioni meteorologiche eccezionali, con una parentesi gelata il 19-20-21/4, quando le temperature minime sono arrivate fino a -4°C e hanno causato danni diretti “bruciando” i germogli e danni indiretti sul resto delle superfici, dovuti alla filatura delle infiorescenze; per di più questa situazione anomala ha creato disfunzioni generali delle piante perdurate per l’intera stagione, indebolendole (in alcuni casi la gelata ha fatto morire le viti e creerà danno per gli anni futuri).

Per di più, in molti casi la  vendemmia è stata più costosa perché ci sono voluti doppi passaggi per la raccolta negli stessi filari con attentissima selezione.

Giugno 2017 è stato il secondo più caldo dopo quello del 2003. A Luglio le temperature  sono state simili al 2012, superate solo dal 2003 e dal 2015. Ma fino all’inizio di Agosto il clima non sembrava così allarmante: le viti erano in situazioni buone, anche se non in forma smagliante e con chiome decisamente poco ombreggianti; poi nella prima decade è arrivata un’ondata di calore con temperature oltre i 35°C di giorno e 26 di notte. Se nel 2003 e soprattutto nel 2015 l’estate calda era stata preceduta da un inverno che aveva immagazzinato acqua nel suolo, quest’anno la terra era arida a causa di un prolungato periodo siccitoso. In estate nessuno aveva mai visto niente di simile: nei primi giorni di Agosto le piante arboree (roveri, frassini, ciliegi e persino le acacie) sono diventate gialle e si sono seccate totalmente perchè gli alberi non “hanno più la trama”, mentre le viti hanno resistito al loro massimo.

In vigna abbiamo fortemente lavorato per mantenere le pareti vegetative, aspettando condizioni più fresche, guardando le viti e cercando di capire cosa potevamo fare per loro.

Intanto cinghiali e caprioli, assetati e affamati, in campagne dove non si trovavano più erba fresca né ruscelli, sono arrivati nelle vigne mangiando l’uva.

La prima conseguenza di queste condizioni è stata un sensibile anticipo della vendemmia, dalla “fisiologica” settimana alle più anomale due o tre settimane di alcune aree. La seconda conseguenza riguarda gli aspetti qualitativi della produzione: il clima caldo e secco ha favorito uve molto più sane della media, caratterizzate da una sensibile riduzione delle fitopatie, a cui è seguito un minore numero di trattamenti fitosanitari.

L’anticipo della vendemmia ha costretto le aziende a rivedere sia i piani in vigna che, soprattutto, quelli di gestione della cantina: mai come quest’anno l’organizzazione aziendale, la gestione accurata in cantina durante la fase di vinificazione, l’adeguamento dei sistemi produttivi e la mitigazione del rischio faranno la differenza sui risultati.

Nell’Ottocento tutto questo avrebbe causato carestie e migrazioni. Oggi, per fortuna, non ci farà soffrire la fame ma certo i vignaioli ricorderanno quest’annata come una delle più povere.

 

© Davide Ferrarese – VignaVeritas

23/9/2017


read more

Per tre mattine consecutive, il 19, il 20 ed il 21 Aprile, si sono verificate condizioni meteorologiche eccezionali, con temperature minime che sono arrivate fino a -4°C , e la cosa peggiore è stata che la vegetazione delle piante era in anticipo di circa 10-15 giorni rispetto alla fenologia normale della vite con germogli lunghi anche fino a 15-20 centimetri; un evento straordinario che a memoria degli anziani non è mai successa.

E’ stato un evento complesso ed articolato con un risultato distruttivo importante dove si è verificato. I danni non sono stati solo nei fondovalle ma spesso il gelo è risalito lungo i fianchi delle colline andando ad arrecare danno anche quote di 300 m slm. e oltre, con esposizioni diverse, su viti giovani o su viti vecchie. Si sono rilevati danni anche negli strati più bassi dei vigneti, su quelle viti che stanno “in fondo al filare” . Si rilevano situazioni diverse anche all’interno dello stesso territorio, ma i vigneti quest’anno avevano vegetato molto in anticipo, con germogli sviluppati e ricchi di acqua che quando sono stati colpiti dalla gelata sono “stati cotti e bruciati”.

Difficile quantificare i danni poichè nello stesso areale ci sono realtà che arrivano a superfici colpite attorno al 40% ed altre che hanno nulla da segnalare o poco di più, vigneti colpiti totalmente ed altri parzialmente o a fasce. Alcuni meteorologi stanno spiegando cosa è successo ed abbiamo trovato nelle dichiarazioni di  Pierluigi Randi che lavora presso Emilia Romagna meteo e Meteocenter, che ha scritto su FreshPlaza.it , quelle secondo noi più corrette: “le gelate hanno mostrato una caratteristica unica e negativa, cioè sono state caratterizzate da valori di umidità relativa molto bassi, anche nelle ore notturne e verso l’alba, dovute alle caratteristiche della massa d’aria affluita: ciò comporta un maggiore raffreddamento degli strati prossimi al suolo. Le cosiddette gelate secche che gli inglesi chiamano “black frost”, che sono le peggiori, dal momento che per i motivi di cui sopra può determinarsi un notevole gradiente termico verticale negli strati bassi e nelle zone interessate dalle inversioni termiche, con differenze di diversi gradi tra il livello al quale vengono rilevate per scopo meteorologico le temperature dell’aria (sui 180-200 cm) e i livelli inferiori; inoltre la secchezza dell’aria comporta una maggiore perdita di calore delle superfici vegetative (che dipendono dai tipi di coltura e dalla estensione della superficie radiante), le quali possono raggiungere temperature sensibilmente inferiori a quelle dell’aria. Abbiamo assistito anche a gelate di pendio dovute ad aria raffreddatasi in quota durante il giorno e scesa verso valle nella notte.”

Ora dobbiamo aspettare e lasciare che le piante portino nuova vegetazione, o dalle gemme di controcchio o dalle gemme latenti, e sarà molto in funzione della genetica delle singole varietà, dopodiché si lavorerà attentamente in modo e in tempi specifici nella gestione della pianta, tenendo ben presente di distinguere piante colpite e piante non colpite dalla gelata.

26 Aprile 2017 © Davide Ferrarese

 


read more

È incredibile come sia arrivato così in fretta il mese di agosto e chi vive tra i vigneti può toccare con mano i risultati di quanto fatto insieme alla stagione.

Le primissime ed immediate riflessioni vanno diretti a clima, alla penuria di acqua che per noi del Basso Piemonte ormai dura almeno da oltre un anno, dopo aver vissuto anche la calda estate del 2015.

E che dire: dobbiamo metterci a ragionare in modo diverso rispetto al precedente ed in modo più elastico..forse preparandoci maggiormente a queste stagioni, anche se la memoria è ancora lucida a quella piovosa e fresca del 2014: sarà sempre più necessario rivedere la gestione della pianta e la gestione del suolo..

Mah! intanto l’uva sta per maturare, la vendemmia si avvicina per creare unicità del nostro vino!

Buon proseguimento a tutti e buone ferie!

© Davide Ferrarese

9 agosto 2016


read more

Novembre 2015 (0 mm)

Avanti con i lavori in vigneto, non si riesce a tenere fermo nessun a far buschi (qualche scasso) e già le prime potature (!!), anche perché ormai non piove più dai primi di ottobre..  Solo nebbie, fitte nebbie e molta umidità, temperature miti..foglie sulle piante, erba verde, ed un sacco d’insetti in giro.Solo un po’ di freddo nell’ultima settimana del mese di novembre ma niente di che: temperature sotto zero, ma limitatamente per il periodo.

Quello che stiamo vivendo passerà agli annali come uno dei periodi più secchi degli ultimi anni sul Nord Italia, in particolare al Nord Ovest e soprattutto nella nostra area: infatti ormai ci siamo un po’ abituati come nell’ultima estate trascorsa, dove in molte zone passavano piogge e temporali, mentre nulla in questo angolo del Piemonte!

E’ anche curioso notare come questo periodo arrivi dopo alcune annate particolarmente piovose e dopo un anno, il 2014, di piogge record e di alluvione per noi (700 millimetri di pioggia a novembre dell’anno scorso).

La pluviometria degli anni 2000 è risultata infatti superiore rispetto a quella del secolo scorso, quando invece non era inusuale riscontrare lunghi periodi senza piogge. Facendo un tuffo nel passato bisogna risalire al 2003 per trovare un periodo così lungo senza precipitazioni rilevanti (tra Febbraio ed Aprile), ed ancora prima al 1997, quando i giorni senza accumuli superiori al millimetro furono circa una novantina tra Gennaio ed Aprile.

Se in pianura e collina è mancata la pioggia., in montagna è mancata totalmente la neve e questo potrebbe essere un problema ben più grave per l’approvvigionamento idrico di molte aree in vista della primavera, a causa delle evidenti ripercussioni che potrebbero esserci per l’agricoltura, i ghiacciai ed ovviamente…la nostra salute.

© Davide Ferrarese

19 dicembre 2015


read more