A non tutti piace caldo: Luglio 2015

A non tutti piace caldo: Luglio 2015

Penso che non servano tante parole su Luglio e i ricordi di un anno fa a “lugliembre” sono diametralmente opposti!, senza tanti dati alla mano è stato per tutti uno dei mesi più caldi di sempre e lo si vede soprattutto dalla precocità fenologica impressa dalla vite, e non solo.. infatti durante il mese diverse varietà hanno iniziato con l’invaiatura.

Praticamente abbiamo vissuto sotto un’ondata di caldo che è stata eccezionale non tanto per i picchi estremi ma per la persistenza, tra l’altro avendo colpito con minore enfasi il Sud.

Al mattino le temperature erano già attorno e oltre i 20°C,  senza un millimetro di precipitazione! Aria carica di umidità, molte volte vento e assenza di rugiada che hanno portato massima l’attenzione in vigna nei confronti dell’oidio.

Del resto lo dicono i massimi esperti: il caldo è stato da record, con la giornata del 22 Luglio che ha raggiunto i livelli dei giorni più bollenti d’agosto 2003, superando i 28°C di media nazionale. E’ la prima volta che accade proprio dall’agosto 2003 e in precedenza un valore simile è stato raggiunto nel luglio 1983.

I dati raccolti sui vari siti specifici, mostrano che la temperatura media è stata superiore +3.5°C rispetto alla norma, un dato che porrebbe il Luglio di quest’anno su un gradino ben superiore anche al luglio 2003, ponendolo su livelli assai prossimi all’agosto 2003 e in qualche caso addirittura superiori!

In vigna si segnalano già situazioni particolari, con piante in deficit idrico e scottature delle foglie da calore, sopratutto per i vigneti più giovani o posti nelle posizioni più magre, dove anche la nuova vegetazione non è emersa.

Faccio questa riflessione a riguardo dei negatori del riscaldamento, che dubitano di questi cambiamenti del clima, ma che forse dovrebbero leggere meglio questi messaggi che ci invia la natura.

5 agosto 2015

© Davide Ferrarese

anche su http://www.winesurf.it/index.php?file=onenews&form_id_notizia=2339

Pronti, partenza, via!! io gioco in difesa..chissà quale?

Ormai ci siamo, i trattamenti di difesa sono pronti per essere fatti.

La vegetazione, a rilento rispetto agli altri anni, sta lavorando e in condizioni meteo variabili.

La novità di quest’anno sarà sicuramente un approccio ancora più sostenibile rispetto agli anni scorsi, ove possibile anche biologico.

Cercherò di favorire l’impiego di sostanze attive di classe tossicologica bassa, rimanendo sempre all’interno dei disciplinare della misura 214.1. (in regione Piemonte).

Si valuterà l’inserimento degli antibotritici e l’impiego dei biostimolanti fogliari anche a base di microrganismi. Il protocollo dovrà prendere in considerazione tutte le crittogame della vite, la cicalina della flavescenza dorata ed eventualmente il diserbo sotto fila.

Naturalmente il protocollo dovrà mantenere un corretto profilo economico e il rispetto delle norme sull’import tollerance.

Tra gli obiettivi mi sono prefissato di ottenere solo ed esclusivamente alta qualità viticola, buone ed ottime componenti organolettiche, riduzione maggiore delle molecole e delle sostanze pericolose per la salute nell’alimento e basso impatto ambientale.

© Davide Ferrarese

2 maggio 2013

Ben arrivata primavera… piove sul bagnato!

Piove sul bagnato! e penso che sia proprio la frase più giusta per il momento..

Al di là dei proverbi e dei detti comuni di ogni zona, questo tempo sta mettendo in difficoltà i vari lavori in vigna.

Ogni giorno che passa senza lavorare, è perso.

Il lavoro nei vigneti in questi periodi prosegue silenzioso: si stanno completando le potature, le stralciature, le legature, ecc.. ma tra piogge e nevicate varie i terreni sono poco praticabili o ci sono delle difficoltà per farlo.

C’è chi deve preoccuparsi di fare le rimesse in vigna e chi impiantare nuovi vigneti, cambiare qualche palo e i fili, ma è tutto spostato più avanti quando miglioreranno le condizioni del tempo. Per di più anche tutti i lavori a macchina ad oggi sono impensabili. Sicuramente appena si potrà, tutti si rincorreranno a far qualcosa in vigna!mi sembra di vedere i vari operai di campagna come pronti al nastro di partenza, in una di quelle maratone davvero difficili.

L’inverno meteorologico 2013 è stato particolarmente dinamico, opposto a quello 2012: dicembre ha portato da subito qualche nevicata, seguito da un mese di gennaio inizialmente “autunnale” con diversi ingressi umidi ma anche nevosi che hanno fatto presenza pure nel mese di febbraio. Tutta salute per il nostro ambiente! poiché  si veniva da un periodo estivo tra i più siccitoso degli ultimi anni.

Ma la primavera è ancora lontana, insomma, visto che marzo è stato freddo tranne che per alcune zone del sud Italia: infatti al nord è ricomparsa la neve e le piogge con temperature più basse della norma.

Insomma, l’inverno non vuole finire, e non vuol far finire i lavori in vigna.

Ad oggi non si parla ancora di germogliamento, il pianto delle viti è avvenuto in modo singolare su alcuni vigneti, ma niente di anticipato al contrario di quello che era successo lo scorso anno, e quindi ci fa pensare ad un decorso fenologico e vendemmiale nella norma.

Vedremo che annata sarà, probabilmente diversa dal 2012!

© Davide Ferrarese

27 marzo 2013

Il mese di febbraio a Gavi

E’ stato un febbraio da record, sia nel verso delle temperature più fredde e sia per le temperature più calde, dal gelo artico ai primi tepori, senza mezze misure, quasi 40°C di sbalzo termico!

Il mese è iniziato proseguendo la nevicata di gennaio con 15-20 centimetri a seconda delle zone, ma con l’acutizzarsi delle fredde temperature; il primo del mese ha nevicato con vento e con neve che si accumulava da una parte o dall’altra. Poi sono iniziate le temperature glaciali: da minime con -4°C siamo arrivati a -15°C il 7 di febbraio con temperature massime che non sono salite mai sopra lo 0°C (-3, -4°C). La neve caduta è rimasta, anche se molto soffice e leggera non si è sciolta.

Dalla metà del mese, c’è stato un aumento delle temperature generale, che hanno permesso di far sciogliere la neve, anche se il rilascio di acqua è stato davvero molto povero.

Per quindici giorni, non si è potuto stare in vigna dal freddo che ha fatto. Le temperature massime sono salite fino ad arrivare a 19 gradi il 24 febbraio.

Ci sono state giornate fantastiche, con la neve e i colori dell’inverno e l’azzuro del cielo. Il giorno più fangoso è stato il 22, poi per il resto si è potuto lavorare la metà del mese, portando avanti le potature, le stralciature e qualche legatura.

9 marzo 2012, Davide Ferrarese

il tempo della vendemmia a Gavi, settembre.

E settembre non ci ha risparmiati! Giusto una pioggia benefica che ha portato circa 30 millimetri che ha “salvato” la situazione che stava diventando critica.

Infatti le alte temperature, con assenza di escursione termica, e la forte insolazione hanno messo in crisi i vigneti: le piante più giovani erano in forte carenza idrica e i grappoli maggiormente esposti iniziavano ad appassire. La giornata di pioggia del 4 di settembre è stata davvero provvidenziale.

Le vendemmie erano iniziate per pochi i primi giorni di settembre, e poi a seguire dopo la giornata di pioggia.

Il grosso della raccolta è iniziato con il 12-13 di settembre, anche se durante l’estate sembrava che tutto dovesse iniziare con molto anticipo, ma le prime raccolte di uve non erano così confortanti da procedere con le vendemmie. Infatti, i dati analitici dei campionamenti erano molto differenti tra loro e disomogenei all’interno degli stessi vigneti, creando incertezza nella data d’inizio vendemmia. Le raccolte sono partite a rilento ma si sono anche fermate per ricominciare in modo più deciso dopo qualche giorno

Le uve vendemmiate prima del 10 di settembre non avevano ancora accumulato un buon grado zuccherino, anche se buona parte sono state usate per la base spumante, mentre quelle successive sono state molto interessanti.

Il tempo del mese è stato pressochè estivo, con punte intorno ai 30°C nella seconda settimana di settembre, e giusto una giornata uggiosa e ventosa solo il 18 di settembre.

La vendemmia è decorsa nelle migliori condizioni, anche se con un sacco di polvere e molta fatica per i vendemmiatori che hanno sopportato il forte caldo.

Si inizia a vendere qualche vendemmiatrice in più che ha permesso le raccolte nelle ore più fresche della giornata.

In ogni caso penso che il 2011 sarà un’annata eccellente in termini di maturità tecnologica (accumulo zuccherino, equilibrio acido, eccetera) mentre resta qualche dubbio sulla maturità fenolica. Si segnalano gradazioni alcoliche delle uve raccolte verso la fine della vendemmia oltre i 12,5°, con ottimi estratti (da vino rosso)! Le quantità sono state buone.

Davide Ferrarese, 15 ottobre 2011

I cambiamenti climatici sulla vite e nella produzione del vino

Le vendemmie di questo inizio millennio sono ricordate dai viticoltori per l’assenza di precipitazioni.

Infatti ci si avvicina e si procede alle operazioni di raccolta con tempo quasi sempre solatio e caldo, mentre negli anni precedenti venivano svolte con difficoltà e fatica per raccogliere le uve lavorando con il terreno bagnato ed infangato.

Il clima è cambiato o comunque sta subendo dei cambiamenti.

Ormai mancano i passaggi stagionali: per transitare dall’estate all’autunno ci passi in una notte alzandoti la mattina successiva con il termometro che ha perso 10°C.

E poi anche in piena stagione vieni interrotto da eventi che non hanno niente a che fare con il clima del periodo. Basta ricordare lo scorso mese di luglio che avrei chiamato “lugliembre” per la pioggia e la nuvolosità del mese, oppure quando in inverno ti trovi giornate con temperature fuori norma mentre fino a ieri c’era la galaverna.

Boh, sarà il terremoto in Giappone che ha spostato l’asse terrestre di 10 centimetri, l’effetto serra e il buco dell’ozono, ma sicuramente qualcosa è cambiato.

Negli ultimi anni ho visto irrigare il frumento tenero ad aprile e maggio, coltura che nello specifico non necessità d’irrigazioni di soccorso, bagnare vigneti a fine agosto in aree dove non era mai stato necessario.

Sicuramente i produttori ed i tecnici dovranno prendere in considerazione questi cambiamenti anche perché devono guardare al mercato del vino.

In annate precoci e calde, le uve tendono a produrre più zuccheri e meno acidità, quindi a produrre vini alcolici e meno freschi. Oltretutto anche i profumi tendono a perdersi e a cuocersi.

In un momento in cui la tendenza è di non avere vini troppo alti di alcol e con una buona aromaticità naturale, bisogna fare il massimo per ottenerlo. Anche perché bisogna mantenere la territorialità del vitigno e le sue caratteristiche singolari legate all’ambiente di coltivazione.

Un po’ di lavoro lo si può fare in campagna attraverso quelle tecniche che chiamo “buone pratiche agricole”: bisogna portare la vite a sopportare al meglio le anomalie climatiche del periodo, anche se oltre certe situazioni diventa impossibile operare.

Occorre lavorare sulla potatura secca, sulla nutrizione sia del terreno che quella fogliare, la difesa dalle crittogame e sugli interventi del verde, quali cimature, sfogliature e diradamento dei grappoli.

Queste ultime operazioni citate, sono importanti perché espongono la pianta e l’uva maggiormente all’influenza del caldo e del sole, incentivando anche la maturazione dell’uva.

Tutto deve essere monitorato sino all’ultimo, come la scelta dei vigneti da vendemmiare, che deve seguire una tabella di marcia ben precisa, che tenga conto degli obiettivi qualitativi e della storicità degli impianti.

La conoscenza del territorio deve far parte del vino, perché il vino si fa davvero in vigna!

Davide Ferrarese

23 settembre 2011

A Gavi si vendemmia! l’ultimo campionamento.

I campionamenti sono stati effettuati in piena vendemmia, tanto è vero che alcuni filari deputati al campionamento non erano più disponibili. Sicuramente un’annata particolare, dove tutto sembrava anticipato anche se non per tutti. Per il Gavi non lo è stato più di tanto, anzi la forte insolazione e calura del mese di agosto, sul finire avevano bloccato la maturazione del cortese. La pioggia benefica del 4 settembre ha permesso di migliorare la situazione generale. Con le prime raccolte si sono confermate ed evidenziate le difformità all’interno dei singoli vigneti. In ogni caso guardando i dati raccolti si conferebbe una buona alcolicità dei vini, uve mature e quadro acido abbastanza stabile che nell’ultima settimana non è sceso in valore assoluto.

19 settembre 2011, Davide Ferrarese

Il tempo a Gavi ad agosto 2011

Nel 2011 agosto è stato un vero mese estivo. Arrivati da un luglio che avevamo chiamato lugliembre per i connotati autunnali, agosto ha invece mostrato in tutto e per tutto la sua grande impronta solare, tant’è vero che in molti hanno rievocato all’estate torrida ed africana del 2003.

In particolare si è avuta un’ondata di caldo che ha caratterizzato tutta la seconda parte del mese con media delle temperature che hanno superato i 24 gradi rimanendo sopra tale soglia per 10 giorni consecutivi; abbiamo avuto temperature giornaliere superiore ai 30°C(sino a 34-35°C il 20 ed 21 agosto) con temprature minime superiore ai 20°C. Solo nella prima settimana di agosto e nell’ultima del mese ci sono state minime intorno ai 10°C.

Il mese è stato totalitmente assente di precipitazione. Di una cosa però siamo certi: l’ondata di caldo dell’agosto 2011 non è stata più forte di quella del 2003 ed anzi non è stata nemmeno la più forte tra quelle del “dopo 2003”!

Sulla vite il caldo ha impresso velocità e progressione della maturazione, che poi sulle vigneti maggiormente esposti e quelli più giovani ha accentuato la siccità. A seguito del forte caldo, si sono riscontrate scottature da eccessiva insolazione ed avvizzimenti generali, seppur limitati. Probabilmente il periodo caldo e asciutto che si è avuto in post-fioritura ha permesso un maggiore ispessimento della buccia e questo potrebbe spiegare i limitati danni da scottature fino ad ora rilevati.

Sui grappoli maggiormente esposti alla luce diretta, le temperature eccessive raggiunte dagli acini, possono determinare alterazioni della fisiologia e della maturazione.

I danni da scottatura si sono manifestati localmente sul grappolo (il singolo acino o gruppi di acini o il racimolo), con alterazioni del colore o avvizzimenti e appassimenti, fino alla completa disidratazione.

Questo ha fatto fa sì che per gli acini troppo esposti sono diventati inizialmente dorati per poi passare al marrone. La quantità di polifenoli può tendere ad aumentare, causando maggiori problemi in vinificazione. Inoltre vi sarà una minore quantità di acido malico e meno profumi.

Nel frattempo verso la fine del mese si pensava ad una vendemmia molto anticipata, ma che invece non si è verificata poiché le uve non avevano raggiunto parametri analitici interessanti, poiché il caldo ha bloccato i vigneti.

Davide Ferrarese, 13 settembre 2011

Il campionamento del Gavi poco prima della vendemmia

La stagione 2011 conferma le sue stranezze. I referti analitici mostrano la loro variabilità tra i diversi campioni, confermata dalla stessa situzione di campagna dove si notano vigneti con differenze di maturazione anche all’interno dello stesso areale viticolo a seconda delle condizioni in cui si trovano. Abbiamo viti che sono in maturazione avanzata a fronte di altre che devono ancora raggiungere dei buoni valori analitici. Il perdurare del caldo avuto nel mese di agosto ha accentuano difformità tra le viti e la presenza di acini in disidratazione soprattutto per i grappoli maggiormante esposti. La sanità è diffusa. Per garantire qualità della vendemmia sarà fondamentale la scelta del vigneto da cui iniziare a raccogliere. In questa scelta è molto utile anche la degustazione dell’acino che può dare indicazioni molto interessanti. La prossima settimana i vigneti giovani e maggiormente esposti, potrebbero essere vendemmiato con notevole anticipo rispetto all’epoca normale di raccolta del cortese. Nel frattempo osserviamo il meteo di questo fino settimana che prevederebbe variabilità e abbassamento delle temperature, sicure condizioni benefiche per le viti.

Davide Ferrarese, 3 settembre 2011