A non tutti piace caldo: Luglio 2015

Penso che non servano tante parole su Luglio e i ricordi di un anno fa a “lugliembre” sono diametralmente opposti!, senza tanti dati alla mano è stato per tutti uno dei mesi più caldi di sempre e lo si vede soprattutto dalla precocità fenologica impressa dalla vite, e non solo.. infatti durante il mese diverse varietà hanno iniziato con l’invaiatura.

Praticamente abbiamo vissuto sotto un’ondata di caldo che è stata eccezionale non tanto per i picchi estremi ma per la persistenza, tra l’altro avendo colpito con minore enfasi il Sud.

Al mattino le temperature erano già attorno e oltre i 20°C,  senza un millimetro di precipitazione! Aria carica di umidità, molte volte vento e assenza di rugiada che hanno portato massima l’attenzione in vigna nei confronti dell’oidio.

Del resto lo dicono i massimi esperti: il caldo è stato da record, con la giornata del 22 Luglio che ha raggiunto i livelli dei giorni più bollenti d’agosto 2003, superando i 28°C di media nazionale. E’ la prima volta che accade proprio dall’agosto 2003 e in precedenza un valore simile è stato raggiunto nel luglio 1983.

I dati raccolti sui vari siti specifici, mostrano che la temperatura media è stata superiore +3.5°C rispetto alla norma, un dato che porrebbe il Luglio di quest’anno su un gradino ben superiore anche al luglio 2003, ponendolo su livelli assai prossimi all’agosto 2003 e in qualche caso addirittura superiori!

In vigna si segnalano già situazioni particolari, con piante in deficit idrico e scottature delle foglie da calore, sopratutto per i vigneti più giovani o posti nelle posizioni più magre, dove anche la nuova vegetazione non è emersa.

Faccio questa riflessione a riguardo dei negatori del riscaldamento, che dubitano di questi cambiamenti del clima, ma che forse dovrebbero leggere meglio questi messaggi che ci invia la natura.

5 agosto 2015

© Davide Ferrarese

anche su http://www.winesurf.it/index.php?file=onenews&form_id_notizia=2339


read more

Ormai ci siamo, i trattamenti di difesa sono pronti per essere fatti.

La vegetazione, a rilento rispetto agli altri anni, sta lavorando e in condizioni meteo variabili.

La novità di quest’anno sarà sicuramente un approccio ancora più sostenibile rispetto agli anni scorsi, ove possibile anche biologico.

Cercherò di favorire l’impiego di sostanze attive di classe tossicologica bassa, rimanendo sempre all’interno dei disciplinare della misura 214.1. (in regione Piemonte).

Si valuterà l’inserimento degli antibotritici e l’impiego dei biostimolanti fogliari anche a base di microrganismi. Il protocollo dovrà prendere in considerazione tutte le crittogame della vite, la cicalina della flavescenza dorata ed eventualmente il diserbo sotto fila.

Naturalmente il protocollo dovrà mantenere un corretto profilo economico e il rispetto delle norme sull’import tollerance.

Tra gli obiettivi mi sono prefissato di ottenere solo ed esclusivamente alta qualità viticola, buone ed ottime componenti organolettiche, riduzione maggiore delle molecole e delle sostanze pericolose per la salute nell’alimento e basso impatto ambientale.

© Davide Ferrarese

2 maggio 2013


read more

Piove sul bagnato! e penso che sia proprio la frase più giusta per il momento..

Al di là dei proverbi e dei detti comuni di ogni zona, questo tempo sta mettendo in difficoltà i vari lavori in vigna.

Ogni giorno che passa senza lavorare, è perso.

Il lavoro nei vigneti in questi periodi prosegue silenzioso: si stanno completando le potature, le stralciature, le legature, ecc.. ma tra piogge e nevicate varie i terreni sono poco praticabili o ci sono delle difficoltà per farlo.

C’è chi deve preoccuparsi di fare le rimesse in vigna e chi impiantare nuovi vigneti, cambiare qualche palo e i fili, ma è tutto spostato più avanti quando miglioreranno le condizioni del tempo. Per di più anche tutti i lavori a macchina ad oggi sono impensabili. Sicuramente appena si potrà, tutti si rincorreranno a far qualcosa in vigna!mi sembra di vedere i vari operai di campagna come pronti al nastro di partenza, in una di quelle maratone davvero difficili.

L’inverno meteorologico 2013 è stato particolarmente dinamico, opposto a quello 2012: dicembre ha portato da subito qualche nevicata, seguito da un mese di gennaio inizialmente “autunnale” con diversi ingressi umidi ma anche nevosi che hanno fatto presenza pure nel mese di febbraio. Tutta salute per il nostro ambiente! poiché  si veniva da un periodo estivo tra i più siccitoso degli ultimi anni.

Ma la primavera è ancora lontana, insomma, visto che marzo è stato freddo tranne che per alcune zone del sud Italia: infatti al nord è ricomparsa la neve e le piogge con temperature più basse della norma.

Insomma, l’inverno non vuole finire, e non vuol far finire i lavori in vigna.

Ad oggi non si parla ancora di germogliamento, il pianto delle viti è avvenuto in modo singolare su alcuni vigneti, ma niente di anticipato al contrario di quello che era successo lo scorso anno, e quindi ci fa pensare ad un decorso fenologico e vendemmiale nella norma.

Vedremo che annata sarà, probabilmente diversa dal 2012!

© Davide Ferrarese

27 marzo 2013


read more

read more

Il mese di febbraio a Gavi

E’ stato un febbraio da record, sia nel verso delle temperature più fredde e sia per le temperature più calde, dal gelo artico ai primi tepori, senza mezze misure, quasi 40°C di sbalzo termico!

Il mese è iniziato proseguendo la nevicata di gennaio con 15-20 centimetri a seconda delle zone, ma con l’acutizzarsi delle fredde temperature; il primo del mese ha nevicato con vento e con neve che si accumulava da una parte o dall’altra. Poi sono iniziate le temperature glaciali: da minime con -4°C siamo arrivati a -15°C il 7 di febbraio con temperature massime che non sono salite mai sopra lo 0°C (-3, -4°C). La neve caduta è rimasta, anche se molto soffice e leggera non si è sciolta.

Dalla metà del mese, c’è stato un aumento delle temperature generale, che hanno permesso di far sciogliere la neve, anche se il rilascio di acqua è stato davvero molto povero.

Per quindici giorni, non si è potuto stare in vigna dal freddo che ha fatto. Le temperature massime sono salite fino ad arrivare a 19 gradi il 24 febbraio.

Ci sono state giornate fantastiche, con la neve e i colori dell’inverno e l’azzuro del cielo. Il giorno più fangoso è stato il 22, poi per il resto si è potuto lavorare la metà del mese, portando avanti le potature, le stralciature e qualche legatura.

9 marzo 2012, Davide Ferrarese


read more