Vendemmia 2018: intervista a Davide Ferrarese su I Vini del Piemonte

qui di seguito il collegamento all’articolo scritto da Erika Mantovan: http://www.ivinidelpiemonte.com/blog/vendemmia-2018-davide-ferrarese/

ed in calce quanto scritto:
Sono migliaia i chilometri percorsi ogni anno da Davide tra le zone del Gavi, Ovada, Alto Piemonte, Valle Belbo, l’astigiano e le Langhe. Non si sbilancia mai sui vini perché sono troppe le variabili. Su tutte c’è la parte umana che incide parecchio, quando si parla di vino, dalla gestione della vigna alla produzione, dal rapporto alla percezione con e del consumatore.

Come sono andati dal punto di vista climatico gli ultimi dodici mesi?

Per quanto riguarda il Piemonte l’inverno è stato finalmente “abbastanza inverno”, con temperature rigide seguite da una primavera piovosa. Mentre l’estate è apparsa come “incompleta” se si guarda al mese di agosto, più fresco, seguito da un meraviglioso settembre. Una bellissima annata quindi che fino a quaranta giorni fa non avrei azzardato a definire così, perché mi piace parlare con dati concreti alla mano. La 2018 è una di quelle annate “di accompagnamento” alla comprensione e adattamento al cambiamento climatico in atto.

Non ci siamo dimenticati infatti della siccità del 2017, così come la grande quantità di pioggia scesa nei mesi autunnali e primaverili scorsi…Quanto è stato difficile lavorare in vigna?

Per via del maggio perturbato è stato sicuramente faticoso. L’esecuzione dei lavori cosiddetti “ordinari” in vigna è stata rallentata: ricordo molto bene un 10-15 giorni di stop a causa di piante e terra bagnate, difficili da gestire. Ma tendenzialmente si è riusciti a portare a casa ottime uve, anche tra Castagnito, Roero e Barbaresco, dove non è mancato qualche episodio di grandine. In ogni caso mi piace ripetere ai miei clienti che bisogna imparare ad interpretare l’annata, lavorare, per portare la vite in condizione di equilibrio sia nel caso di annata precoce che tardiva. A seconda del vitigno che si ha tra la mani è bene capire il terreno e la vigoria cercando poi di adattare le regole e gli strumenti in funzione del miglior risultato qualitativo a cui tutti vogliono arrivare. Per esempio, non è sempre detto che il diradamento occorra farlo ad agosto, ma quando è necessario. Così come la sfogliatura: bisogna analizzare la posizione del vigneto e procedere con una corretta esecuzione temporale, in base all’andamento climatico. Non esiste un protocollo valido per tutti: è necessario guardare al singolo vigneto.

Appurato il cambiamento climatico, esiste una vigna, un terreno o un’esposizione che ne ha giovato?

Non c’è il solo calendario vendemmiale che conferma il cambiamento climatico ma anche i parametri registrati al momento della raccolta delle uve nelle varie zone. Lo scorso anno il 20 di settembre l’uva era già praticamente tutta in cantina, con il resto dell’Europa che ha sofferto più di noi in Piemonte, così come quest’anno il sud d’Italia in termini di pioggia. Di conseguenza il lavoro migliore da fare è impostare una gestione viticola che sia in grado di dare la giusta dignità produttiva, che si concentri sulla chioma, sulla gestione del suolo e della sostanza organica. Quando si fanno le valutazioni cerco sempre di contestualizzare il più possibile le vigne e l’andamento climatico della zona in cui sono inserite.

Esistono secondo te in Piemonte delle zone con condizioni particolarmente ideali per fare vino?

Sicuramente nelle esposizioni migliori e in buone altezze, in cui bisogna fare lavori più certosini, troviamo basi validissime, ma in realtà le cantine che riescono a vinificare separatamente le uve provenienti dalle diverse colline sono in grado di tirare fuori ottimi prodotti in tutte le annate. Le vigne vecchie sono delle piccole garanzie qualitative, insieme ovviamente all’esperienza maturata negli anni. Un valore che cresce solo con il passare del tempo. I grandi blend quindi a mio avviso sono i migliori ambasciatori di una annata perché riescono a rappresentarne tutte le caratteristiche. Sfumature esaltate soprattutto nei vini prodotti con cultivar autoctone, che si ambientano meglio di altre in determinate zone. Si pensi al Cortese a Gavi, al Nebbiolo nelle Langhe e nell’Alto Piemonte o il Barbera nel Monferrato. Non c’è un luogo ad esser più vocato o migliore, sono le persone a fare la differenza, in ogni areale produttivo. Mi piace il lato umano della vigna che si riflette anche in cantina. L’imprinting del titolare lo si respira in tutti i componenti dello staff aziendale.

Non ci resta ora che aspettare la primavera, ed assaggiare i risultati si questa splendida vendemmia!

Grazie Erika!

L’annata 2017, per il Gavi Docg ed l’alto Monferrato

 

un’annata decisamente anomala, segnata da un inverno mite e asciutto, in primavera da gelate tardive, mentre la prolungata siccità e le elevate temperature per tutta la stagione vegetativa, hanno indotto stress idrico ai vigneti

Fenomeni climatici estremi: la vite si adegua, ma deve scontare “performances” inferiori al potenziale. Così abbiamo una delle vendemmie che in generale rappresenta il minimo storico nazionale degli ultimi 50 anni con riduzioni di oltre il 20% in quasi tutte le regioni. Le anomalie climatiche, tuttavia, hanno interessato anche gran parte delle aree produttive europee e le minori produzioni attese in Francia e Spagna indicano che, anche per il 2017, l’Italia manterrà il primato produttivo mondiale.

Un inverno senza piogge, una primavera asciutta e un’estate rovente: condizioni meteorologiche eccezionali, con una parentesi gelata il 19-20-21/4, quando le temperature minime sono arrivate fino a -4°C e hanno causato danni diretti “bruciando” i germogli e danni indiretti sul resto delle superfici, dovuti alla filatura delle infiorescenze; per di più questa situazione anomala ha creato disfunzioni generali delle piante perdurate per l’intera stagione, indebolendole (in alcuni casi la gelata ha fatto morire le viti e creerà danno per gli anni futuri).

Per di più, in molti casi la  vendemmia è stata più costosa perché ci sono voluti doppi passaggi per la raccolta negli stessi filari con attentissima selezione.

Giugno 2017 è stato il secondo più caldo dopo quello del 2003. A Luglio le temperature  sono state simili al 2012, superate solo dal 2003 e dal 2015. Ma fino all’inizio di Agosto il clima non sembrava così allarmante: le viti erano in situazioni buone, anche se non in forma smagliante e con chiome decisamente poco ombreggianti; poi nella prima decade è arrivata un’ondata di calore con temperature oltre i 35°C di giorno e 26 di notte. Se nel 2003 e soprattutto nel 2015 l’estate calda era stata preceduta da un inverno che aveva immagazzinato acqua nel suolo, quest’anno la terra era arida a causa di un prolungato periodo siccitoso. In estate nessuno aveva mai visto niente di simile: nei primi giorni di Agosto le piante arboree (roveri, frassini, ciliegi e persino le acacie) sono diventate gialle e si sono seccate totalmente perchè gli alberi non “hanno più la trama”, mentre le viti hanno resistito al loro massimo.

In vigna abbiamo fortemente lavorato per mantenere le pareti vegetative, aspettando condizioni più fresche, guardando le viti e cercando di capire cosa potevamo fare per loro.

Intanto cinghiali e caprioli, assetati e affamati, in campagne dove non si trovavano più erba fresca né ruscelli, sono arrivati nelle vigne mangiando l’uva.

La prima conseguenza di queste condizioni è stata un sensibile anticipo della vendemmia, dalla “fisiologica” settimana alle più anomale due o tre settimane di alcune aree. La seconda conseguenza riguarda gli aspetti qualitativi della produzione: il clima caldo e secco ha favorito uve molto più sane della media, caratterizzate da una sensibile riduzione delle fitopatie, a cui è seguito un minore numero di trattamenti fitosanitari.

L’anticipo della vendemmia ha costretto le aziende a rivedere sia i piani in vigna che, soprattutto, quelli di gestione della cantina: mai come quest’anno l’organizzazione aziendale, la gestione accurata in cantina durante la fase di vinificazione, l’adeguamento dei sistemi produttivi e la mitigazione del rischio faranno la differenza sui risultati.

Nell’Ottocento tutto questo avrebbe causato carestie e migrazioni. Oggi, per fortuna, non ci farà soffrire la fame ma certo i vignaioli ricorderanno quest’annata come una delle più povere.

 

© Davide Ferrarese – VignaVeritas

23/9/2017

Agosto 2016, e primissime riflessioni

È incredibile come sia arrivato così in fretta il mese di agosto e chi vive tra i vigneti può toccare con mano i risultati di quanto fatto insieme alla stagione.

Le primissime ed immediate riflessioni vanno diretti a clima, alla penuria di acqua che per noi del Basso Piemonte ormai dura almeno da oltre un anno, dopo aver vissuto anche la calda estate del 2015.

E che dire: dobbiamo metterci a ragionare in modo diverso rispetto al precedente ed in modo più elastico..forse preparandoci maggiormente a queste stagioni, anche se la memoria è ancora lucida a quella piovosa e fresca del 2014: sarà sempre più necessario rivedere la gestione della pianta e la gestione del suolo..

Mah! intanto l’uva sta per maturare, la vendemmia si avvicina per creare unicità del nostro vino!

Buon proseguimento a tutti e buone ferie!

© Davide Ferrarese

9 agosto 2016

BIO o non BIO

Sono sempre maggiori i solleciti a pensare al nostro lavoro in modo biologico e/o naturale.

A tutti livelli ormai se ne parla, anche al bar, dove tutti diventano esperti.

In ogni caso è un argomento che ormai interessa sempre più ogni anno che passa: lo si vede dalle Aziende che si sono approcciate al biologico e all’interesse dell’intera filiera vitivinicola al sistema.

Personalmente penso che dovremmo andare verso una produzione che rispetti l’ambiente e la salute degli operatori e dei suoi consumatori, direi a fare un prodotto “salubre”.

Dopo di chè possiamo disquisire se coltivare la vite in  modo biologico, biodinamico, convenzionale, tradizionale, naturale e chi ne ha più ne metta.., sicuramente bisogna essere imprenditori per scegliere la strada giusta: in ogni caso ci vuole un progetto alla ricerca delle soluzioni opportune da intraprendere così da permettere un rapporto migliore nella crescente conflittualità e richiesta di informazioni tra il mondo agricolo e la cittadinanza.

Non c’è da demonizzare la viticoltura attuale e tradizionale, sono numerose le esperienze che vanno alla ricerca di un miglioramento delle tecniche di coltivazione: la gestione del suolo con l’impiego dei sovesci e dei microrganismi della rizosfera, la gestione dei trattamenti anticrittogamici attraverso una regolazione funzionale degli atomizzatori con il posizionamento delle cartine idrosensibili, l’impiego mirato degli insetticidi attraverso il monitoraggio (trappole cromotattiche per Scafoideo) o con l’impiego della confusione sessuale (Tignoletta), il monitoraggio dei residui dei vini (LMR) necessario anche per l’Import Tollerance, la potatura ramificata con il metodo Simonit&Sirch, la selezione dei lieviti autoctoni ed altro ancora.

Fare veloci considerazioni non è facile, deve essere chiaro che scegliere una nuova strada ormai in parte necessaria, è un’operazione forte, onerosa, e rischiosa.

Mi ripeto, ci vogliono capacità produttive e manageriali speciali, poiché si corrono anche rischi economici!

Non facciamoci prendere dalla fretta o dalla moda, a prescindere all’approccio personale di ogni Azienda, le scelte tecniche ed agronomiche sono necessarie per mantenere e valorizzare le complessità biologiche dei nostri territori contestualizzando il vigneto nella sua esclusività.

© Davide Ferrarese

25 febbraio 2016

Prossimi alla vendemmia..

Anche quest’anno siamo ai cancelli di partenza, prossimi alla vendemmia, anche se qualche grappolo l’abbiamo già portato in cantina..

Giusto brevi considerazioni su questo 2015, stagione diametralmente opposta al 2014 con temperature elevate fuori dalla norma per tutto il mese di luglio.

Come sempre la natura detta le sue regole, noi dobbiamo solo cercare di assecondarle e di esaltarle quando possibile.

La vendemmia per quanto lunga sia, è sempre un gesto veloce che racchiude mille storie dell’annata e del lavoro fatto negli anni precedenti, e che ci servirà per i prossimi interventi da fare. Non a caso, oltre alle campionature di uve e dati analisi si parla anche di nutrizione dei suoli e dalla vite in post raccolta e della potatura secca..

Penso che la foto, parli da se..guardare attraverso l’uva..buon lavoro a tutti!

© Davide Ferrarese

3 settembre 2015

Allunghiamo la vita dei vigneti! #followus #pruniguys #gavi

Il progetto di potatura avanza!

Con il mese di marzo siamo arrivati alla conclusione della potatura secca. Il tempo in questa seconda fase invernale è stato abbastanza buono, anche se febbraio ha mostrato nuovamente il suo volto piovoso.

Con l’inizio del 2015, assieme ai Preparatori d’uva abbiamo avviato il progetto di potatura con il metodo Simonit&Sirch per i vigneti del Gavi docg e di altre zone coinvolgendo presso il Consorzio di Tutela del Gavi i potatori di diverse Aziende che hanno iniziato ad applicare il metodo nei propri vigneti.

In questo periodo abbiamo completato la prima parte dei cantieri di potatura con le maestranze agricole che hanno aderito al progetto di potatura: 17 le Aziende direttamente coinvolte e quasi 50 i potatori “in formazione”!

Il lavoro in vigneto è stato determinato, costante e continuativo, in modo da affiancare chi deve gestire i tagli di potatura. Ora il prossimo appuntamento sarà la scelta dei germogli (ci vediamo presto!).

In allegato un recente articolo apparso il 13/03 su “La Stampa”, peccato per l’imprecisione del titolo sul mal dell’esca..

Ormai da qualche anno vi parlo in modo costante di potatura.

La potatura è un argomento di sicuro fascino, importante e fondamentale per molti, poiché da qui la viticoltura ne trae le sue basi per i produttori, per gli imprenditori, per l’economia locale, per il turismo e per l’ambiente. Mal dell’esca, costi di potatura secca e scelta germogli, longevità e produttività del vigneto, sono argomenti strettamente correlati.

Dal 2012 ho frequentato i corsi annuali della Scuola Italiana di Potatura del metodo Simonit&Sirch visitando diversi vigneti ed il loro campus in Friuli Venezia Giulia.

Il gruppo Simonit&Sirch è arrivato a definire il metodo della potatura ramificata dopo un lungo periodo di lavoro in campo fatto di osservazione, ma soprattutto di pratica di potatura, durante i quali, per circa 10 anni, si sono messi a fuoco i principali fattori di rischio della salute del vigneto, diventando consulenti in più di 20 anni in diverse zone viticole del mondo, non ultima Chateau d’Yquem in Francia.

I Preparatori d’uva hanno indagato le conseguenze indotte dai tagli di potatura a livello del sistema di trasporto linfatico della pianta di vite. Le regole che definiscono il metodo di potatura sono indipendenti dalla forma di allevamento scelta in vigneto.

Un’investimento importante per il patrimonio delle Aziende, sia umano che vitato, in un momento generale particolarmente delicato: salvaguardare l’integrità dei vigneti è importante non solo dal punto di vista paesaggistico o per la qualità dei vini che si producono, ma perché rappresenta un’importante riserva per la tutela del terroir.

Le Aziende che aderiscono al progetto sono: Marchese Luca Spinola, Montobbio Maurizio, Biné, Fontanassa, La Colombera, La Zerba, Morgassi Superiore, Traverso Marco, I Brambi, Torriglia Antonella, Poderi Rosso Giovanni, Tenuta La Marchesa, Broglia Gian Piero, La Centuriona, La Mesma, Villa Sparina e Ottosoldi.

Quella strana stagione 2014..

Quella strana stagione 2014..
#terroir #gavi #barbera #timorasso #ovada #dolcetto #potatura #biologico #agricoltura_durevole #vendemmia #uomo #sostenibile

Il 2014 sarà sicuramente ricordato per le bizzarrie dell’annata.
Inverno poco freddo, stagione partita alla massima velocità, per poi rallentarsi con l’arrivo dell’estate (mancata estate) con precipitazioni pluviometriche ben superiori alle medie stagionali.
Infatti dal mese di aprile a quello di settembre sono caduti tra i 450 e i 500 millimetri di pioggia, una quantità pari a quella dei mesi invernali, con settembre come mese meno piovoso..
Penso che basti questa premessa e qualche ricordo per capire le difficoltà dell’annata, ma la maniacale attenzione e passione, ci ha però premiato.
In questi giorni sto assaggiando vini dalle vasche, buoni, con tono alcolico inferiore rispetto alle altre annate, ma interessanti e con bei profumi.
Quest’anno è uscita ancora di più la validità del terroir, di quel prezioso tesoro che ognuno di noi possiede, la vigna! L’identità di ciascuna di esse esprime qualità e valori specifici, che bisogna mantenere e valorizzare con il lavoro quotidiano.
Penso che l’impostazione della potatura secca con nuove attenzioni e maggior rispetto della pianta anche per cercare di contenere la continua diffusione del mal dell’esca, il lavoro del suolo con una nuova visione, rispettando la fertilità biologica e rinnovando le tecniche meccaniche ed inserendo, dove si è potuto, la pratica del sovescio, fino ad arrivare alla difesa fitopatologica molto più attenta ed integrata alle condizioni ambientali, stia dando risultati molto buoni e interessanti.

Stiamo facendo un gran lavoro eliminando o riducendo l’impiego del diserbo sotto fila; abbiamo integrato la difesa chimica con l’impiego dei microrganismi utili ed iniziato anche con la difesa biologica, ritoccabile e sicuramente migliorabile, ma in una stagione ad alta pressione per le malattie fungine, non sono stati utilizzati gli antibotritici chimici con ottimi risultati sanitari sulle uve.

Stiamo facendo un gran lavoro per una difesa avanzata sostenibile, ritoccabile e sicuramente migliorabile, ma in una stagione ad alta pressione per le malattie fungine, abbiamo ottenuto ottimi risultati sanitari sulle uve.

Grazie per leggermi

© Davide Ferrarese
9 dicembre 2014

Monitoraggio nei vigneti di Drosophila suzukii

Sopralluogo per raccolta campioni di uva e trappole alimentari di aceto

Tecnici: Davide Ferrarese – Arianna Giusta

Verso la prima settimana di settembre, ho riscontrato in alcuni vigneti del gaviese e dell’ovadese, un’elevata incidenza di marciume acido, con percentuali di grappoli danneggiati che in alcune piante e porzioni di filari avevano raggiunto proporzioni elevate, tra l’altro in condizioni di clima buono, migliore di quello estivo, ed in assenza di attacchi di oidio o danni finisci all’uva.
Ad una attenta osservazione, ho trovato che gli acini colpiti contenevano numerose larve appartenenti all’ordine dei ditteri, genere Drosophila spp. (quelli che noi chiamiamo semplicemente moscerini dell’uva o della frutta), che si animavano in modo molto aggressivo.
Su alcuni acini mi è parso di riscontrare la presenza di Drosophila suzuki, un insetto altamente nocivo di origine asiatica che crea ingenti danni sulle uve, e segnalato in Italia nel 2010 (Trentino Alto Adige).
Così ho chiesto un sopporto in termini di monitoraggio al Settore Fitosanitario della Regione Piemonte che, nell’ambito del monitoraggio fitosanitario, ha provveduto alla lettura del contenuto delle trappole alimentari posizionate in campo. La lettura è stata eseguita dalla Dott.ssa Arianna Giusta, una collaboratrice del Settore Fitosanitario, associata allo Studio Pegaso – servizi agroambientali di Torino www.studiopegaso.eu .
Al termine di questa brevissima ma intensa attività, il Settore Fitosanitario della Regione Piemonte ha rilevato dai dati che eventuali marciumi diffusi delle uve alla raccolte nei vigneti descritti non erano dovuti all’azione di D. suzukii ma a problemi legati all’andamento stagionale (piogge) e alle fitopatie che hanno favorito i marciumi quest’anno.  E’ chiaro che conviene non trascurare la possibilità che in futuro D. suzukii possa avere un ruolo più significativo nel favorire lo sviluppo di marciumi in vigneto.  Il 2014 è stato un anno molto favorevole all’insetto, ma in molte zone viticole probabilmente la popolazione di partenza era molto bassa, quindi non in grado di arrecare danni consistenti.  In altre aree, es. vicino a zone di coltivazione di piccoli frutti, la situazione poteva essere diversa.
Alcuni numeri: su un totale di 3422 individui, 91 di maschi di Drosophila suzuki, 70 di femmine di Drosophila suzuki e 3261 altri Drosophila: in pratica 5% di Drosophila suzuki ed il 95% di altra di Drosophila.

© Davide Ferrarese, 12 novembre 2014

Stay tuned, a Gavi con il metodo di potatura Simonit&Sirch !

La potatura della vite come centralità della vita della pianta.

La scorsa primavera, presso il Consorzio tutela del Gavi, ho organizziamo un incontro unico per il Piemonte sul metodo di potatura Simonit&Sirch (http://www.simonitesirch.it), con l’intervento diretto dei Preparatori d’Uva.

Il focus è stato seguito da un centinaio di viticoltori ed operatori del settore, suscitando molto interesse per la qualificazione e l’innovazione dell’argomento trattato.

Salvaguardare l’integrità dei vigneti è importante non solo dal punto di vista paesaggistico o per la qualità dei vini che si producono, ma perché rappresenta un’importante riserva per la tutela del terroir.

Viste le premesse, nel corso dell’estate siamo stati a far visita al Campus dei Preparatori d’Uva in Friuli Venezia Giulia, dove abbiamo visto, ma soprattutto commentato dal vivo diverse situazioni: potatura a Guyot e potatura a cordone speronato, viti giovani, viti vecchie, viti in allevamento, viti in potatura di conversione, ecc.

Alla luce di questo percorso che ormai mi trova all’inizio del 4° anno di studio del metodo di potatura Simonit&Sirch , venerdì 10 ottobre alle 14,30 presso il Consorzio Tutela del Gavi, preparo un incontro con Lorenzo Manfreda dei Preparatori d’Uva a disposizione per presentare il progetto di potatura su Gavi, per capire come potrebbe essere possibile una collaborazione per la formazione del personale in vigneto per la potatura secca invernale e relativa potatura verde in primavera con il metodo Simonit & Sirch Preparatori d’Uva.

Grazie!

7 ottobre 2014

©Davide Ferrarese www.davideferrarese.it

Marciume acido e Drosophila

Verso la prima settimana di settembre, ho riscontrato in alcuni vigneti del gaviese e dell’ovadese, un’elevata incidenza di marciume acido, con percentuali di grappoli danneggiati che in alcune piante e porzioni di filari avevano raggiunto proporzioni elevate, tra l’altro in condizioni di clima buono, migliore di quello estivo, ed in assenza di attacchi di oidio o danni finisci all’uva.

Ad una attenta osservazione, ho trovato che gli acini colpiti contenevano numerose larve appartenenti all’ordine dei ditteri, genere Drosophila spp. (quelli che noi chiamiamo semplicemente moscerini dell’uva o della frutta), che si animavano in modo molto aggressivo.

Su alcuni acini mi è parso di riscontrare la presenza di Drosophila suzuki, un insetto altamente nocivo di origine asiatica che crea ingenti danni sulle uve, e segnalato in Italia nel 2010 (Trentino Alto Adige).

A tal proposito è stata mia cura segnalare il fatto al Settore Fitosanitario Regionale con sede a Torino e la stessa Università di Agraria.

In attesa di un sopralluogo sul posto ed in accordo con loro, ho preparato delle trappole “alimentari”, cioè delle semplici bottiglie di plastica da 1,5 L (più piccole non vanno bene) riempite con circa 250 mL di aceto vino, chiuse con il loro tappo e appese alle piante. In ogni bottiglia ho praticato alcuni fori (5-6) di 0.5-1 cm di diametro a livello del collo.

In bibliografia è riportato anche l’aceto di mele, ma  ho preferito quello di vino (rosso o bianco indifferentemente). La trappola o le trappole le ho posizionate nelle zone interessate dal marciume acido e tornerò per vederle fra 10-15 giorni.

Gli adulti di D. suzukii dovrebbero essere presenti fino a novembre inoltrato indipendentemente dalla vendemmia.

©Davide Ferrarese

22 settembre 2014