Il #timorasso a #laColombera: il #Montino e il #Derthona

Il timorasso una grande passione di Elisa.

Senza tanti ma o perché, lo scorso 8 dicembre ci siamo trovati all’appuntamento annuale per una verticale del timorasso della Colombera.

Intanto un vitigno e due vini: il Derthona, timorasso base derivante dall’assemblaggio di 4 vigneti differenti, mentre il Montino timorasso selezionato da un unico vigneto. Le prime barbatelle sono state piantate nel 1995 allevate a Guyot con  una densità d’impianto è di 4800 ceppi/ettaro con una resa per ettaro di 60-70 quintali di uva. I suoli sono costituiti da argille sia chiare sia scure.

Siamo partiti dalla prima annata in commercio per il Derthona  il 2012 e dal Montino 2011 per arrivare sino al 2004. Ecco alcune brevi note di degustazione.

#Derthona 2012: al naso floreale e frutta (pesca), e fieno in prevalenza; in bocca rotondo e fresco, giovane.

#Derthona 2011: al naso diminuisce la nota fruttata ed aumenta il fieno secco maturo con evidente nota di fior di ginestra; rotondo con un leggero residuo zuccherino dovuto alle difficoltà dell’annata (precoce, e caldissima).

#Montino 2011: all’inizio chiuso al naso, che dopo qualche secondo si apre al minerale e al miele; in bocca complesso e strutturato, supportato dalla spalla acida del vitigno.

#Derthona 2010: equilibrato al naso, il minerale è deciso e si afferma, in bocca morbidezza dovuta all’affinamento in bottiglia, buona freschezza.

#Montino 2010: all’inizio chiuso al naso, che dopo qualche secondo si apre al minerale e al miele; in bocca complesso e strutturato, supportato dalla spalla acida del vitigno.

#Derthona 2009: in questo vino si trovano finezza e complessità, al naso sentori vivi di frutta matura (pera), in bocca grande spazio alla freschezza.

#Montino 2009: al naso sentori vivi di frutta matura (pera e ananas) e miele e decisi sentori minerali (idrocarburi); in bocca grande spazio alla freschezza e lunghezza.

#Derthona 2008 Magnun: al naso le note minerali si affiancano alcune note “fumè” da evoluzione; in bocca inferiore la nota di freschezza.

#Montino 2007 Magnum: al naso intensamente minerale (idrocarburi), arricchite da piacevoli note di fiori bianchi come sambuco e biancospino e in bocca grande sapidità e pienezza.

#Montino 2006: al naso si confermano le caratteristiche marcate dei minerali e finezza del vitigno e in bocca strutturato e pieno di freschezza.

#timorasso 2005: al naso evoluto con note di pasticceria ed in bocca freschezza ridotta.

#timorasso 2004: grande sorpresa per il naso estremamente minerale e tipico, grande sapidità in bocca.

28 marzo 2014

©Davide Ferrarese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *