Difesa: regolazione funzionale degli atomizzatori

Il tema della sostenibilità in viticoltura è sentito dall’opinione pubblica, che pone sempre più attenzione alla salvaguardia dell’ambiente e della salute dei cittadini; i viticoltori tuttavia sono tenuti ad effettuare le operazioni di difesa contro le patologie, al fine di ottenere uve sane e di qualità.

Dalla sensibilità del Consorzio Tutela del Gavi nei confronti dei temi ambientali e dalla richiesta dei viticoltori di rendere più mirati i trattamenti in vigneto, nel 2015 è nato il Progetto di regolazione funzionale degli atomizzatori, il primo in Italia voluto da un Consorzio di Tutela.

L’obiettivo è quello di individuare le migliori pratiche per coniugare la difesa della vite con la tutela dell’ambiente e dell’apicoltura, evidenziando gli aspetti positivi e le criticità dei trattamenti – le modalità e le regolazioni, in base al periodo e al tipo di macchina utilizzata – affinché le aziende possano trarne benefici sia tecnici che economici.

In collaborazione con i tecnici del Sata Srl di Quargnento sono state predisposte le attività pratiche di campo per verificare l’efficacia dei trattamenti di cui in allegato trovate la relazione conclusiva.

In questi giorni stiamo facendo i primi interventi di difesa e iniziano le varie domande:

quali principi attivi?

quali dosaggi?

quale strategie applicare? ecc.. 

noi vi possiamo dire che “E’ SBAGLIATO AFFERMARE CHE CI SONO MACCHINE BUONE E ALTRE NO: ESISTONO PIUTTOSTO DIFFERENTI REGOLAZIONI”

© Davide Ferrarese

3/5/2018

 

newsletter 02 (aprile) 2018 TUTELA x1003 newsletter 02 (aprile) 2018 TUTELA x1002 newsletter 02 (aprile) 2018 TUTELA x100 newsletter 02 (aprile) 2018 TUTELA x1004

Sostenibilità e semplici regole per l’atomizzatore

Si parla spesso di sostenibilità ambientale, ed esistono sicuramente semplici metodi per verificarne per esempio la distribuzione dei fitofarmaci.
Per esempio come verificare la spinta dell’aria della ventola e come meglio regolarne il suo sviluppo sul bersaglio vegetale.
Una buona difesa alle patologie deve prevedere anche maggiore attenzione alle modalità applicative del trattamento fitoiatrico.
Solamente mettendo delle “fascette” plastificate si individua come è orientato il flusso dell’aria.
Con questo video si semplifica molto quello che ho scritto:
https://youtu.be/UbApnyBIAfE
© Davide Ferrarese
8 giugno 2015